Archive for gennaio, 2011

Uno “Sportello” Per Gli Standard

Uno “sportello” per gli Standard

Il nuovo anno porta per gli Standard museali della Regione Piemonte una nuova procedura, più snella e più flessibile: da gennaio 2011 l’accreditamento per gli Standard museali avverrà “a sportello”. Tutti i musei e i beni culturali piemontesi che intendono procedere con l’autovalutazione dovranno comunicare via e-mail il nome e i recapiti del responsabile della procedura, che riceveranno i dati e le istruzioni per l’accesso alle schede. Ogni 3 mesi la Cabina di Regia esaminerà i musei che avranno compilato tutte le schede di tutti gli ambiti. Niente autocandidature e niente scadenze comuni, quindi, ma la possibilità per ciascun museo di adattare le tempistiche della procedura alle proprie esigenze. Si ricorda che per i musei di arte contemporanea, musei di exhibit, beni culturali assimilabili a musei, sistemi e reti sono in fase di elaborazione nuove schede. Si consiglia pertanto a questi soggetti di non cominciare subito la compilazione, ma di attendere la conclusione dei Cantieri degli Standard. Si ricorda inoltre che il Forum è sempre a disposizione degli utenti iscritti al CR, per partecipare alla discussione su questo e altri temi.

Estr. newsletter 1/2011 – GENNAIO 2011 Centro Risorse Beni Culturali

Che Cos’è un Museo?

Il termine museo deriva dal greco antico mouseion, luogo sacro alle Muse, figlie di Zeus e protettrici delle arti e delle scienze. Il museo è una raccolta pubblica o privata, di oggetti relativi ad uno o più settori della cultura, della scienza e della tecnica. Read more…

Alberi Monumentali In Piemonte

Il tema degli alberi monumentali è particolarmente affascinante, di preciso rilievo per la storia del nostro territorio e del paesaggio che lo definisce.
Estr. Alberi Monumentali, Collezione Regione Piemonte

La Regione, che per dovere costituzionale è impegnata nella tutela e salvaguardia del paesaggio, ha evidenziato il valore degli alberi richiamando l’attenzione di Enti e collettività con l’attuazione della legge regionale n. 50 del 3 aprile 1995.

Quando un albero si può dire monumentale?

Secondo la Legge per la tutela e la valorizzazione degli alberi di alto pregio naturalistico e storico sono monumentali:

  1. Alberi che per età o dimensioni possono essere considerati come rari esempi di maestosità o longevità
  2. Alberi che hanno un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico o culturale
  3. Alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico-culturale, ivi comprese quelle inserite nei centri urbani

Singoli cittadini, Organi e Enti pubblici o Associazioni sono invitati a segnalare l’esistenza di esemplari che potrebbero essere definiti monumentali.

Il calendario 2010 realizzato dalla Regione Piemonte era dedicato a 14 esemplari presenti sul territorio:

l’introduzione mostrava le SEQUOIE del Parco della Burcina a Pollone (BI), tra le più grandi d’Italia con una circonferenza di 6m e un’altezza di 46m, e le SEQUOIE giganti di Roccavione (CN), alte 40m e con una circonferenza di 13.30m.

Il retro presentava una cartina riepilogativa e le miniature dei singoli soggetti:

il TIGLIO a grandi foglie di Macugnaga (VB) vecchio di quasi 500 anni (gennaio);

il PINO STROBO di Chiusa Pesio (CN) che raggiunge i 45m di altezza, ha un’età di 350 anni (febbraio);

il PLATANO di Alessandria (AL), detto di Napoleone, è ampio oltre 30m (marzo), invece quello in frazione Ova di Tortona (AL) con i suoi 35m è uno dei più alti d’Italia (aprile);

la ZELCOVA di Racconigi (CN) è la più alta del Piemonte con 35m di altezza e 200 anni di età (maggio);

i LIQUIDAMBAR di Vercelli (VC) raggiungono rispettivamente i 20m e i 28m di altezza (giugno);

la FARNIA del Castello di San Salvà a Santena (TO) è un esemplare di 28m di altezza, 6.30m di circonferenza e 250 anni di età (luglio);

il CEDRO dell’Himalaya di Stresa (VB) sfiora i 40m di altezza e i 7.30m di circonferenza (agosto); il CEDRO dell’Atlante di Montalenghe (TO) è alto 36m, ha una circonferenza di 13m e un’età di olte 300 anni (dicembre);

l’OLMO di Bergemolo a Demonte (CN) è prossimo ai 400 anni e ai 35m di altezza (settembre);

l’IPPOCASTANO di Dogliani (CN) è un esemplare di notevole bellezza, alto 26m (ottobre);

il GINKGO BILOBA di Casalbeltrame (NO) arriva a toccare i 25m di altezza (novembre).

Approfondimenti

Alberi Monumentali galleria di immagini su Flickr

Alberi Monumentali pubblicazione in pdf

Elenco di tutti gli esemplari censiti in Piemonte