All posts in Comunicazione

Hyper Museum Project Turin and Bologna

Un progetto “al di sopra” di un museo tradizionale

Ripubblico oggi questo post del 2012 riferito ad un progetto, inedito e interessante anche a 5 anni di distanza, rivolto agli studenti universitari e delle scuole secondarie superiori. Un’esperienza di reale interazione con l’arte contemporanea, condivisa in modo virtuale attraverso l’uso di mezzi di comunicazione tecnologicamente avanzati: Hyper Museum Project.

Perché nei musei è (anzi, era) vietato fotografare?

Premesso che questa domanda al tempo mi veniva posta di frequente sia dai lettori che dagli amici, in generale il divieto è stabilito dal regolamento dei musei stessi e da leggi nazionali per la tutela dei beni mobili e immobili. A questo proposito, la discussione “Fotografia e legge: che cosa si può fotografare e cosa no” che cita un articolo apparso su DigitalCamera Magazine nel 2008 è ancora attuale.

Da allora le cose sono cambiate in meglio: proprio nel 2012 Instagram veniva comprata da Facebook e un numero sempre crescente di beni culturali è approdata sui social network, stimolando i propri followers a condividere spontaneamente scatti e commenti attraverso la rete.

Il 22 gennaio 2012 Benedetta Cucci scriveva su il Resto del Carlino: “pubblico giovane, arte contemporanea, nuove tecnologie e la visionarietà di un fotografo come Nino Migliori alla continua esplorazione di un linguaggio a stretto contatto con le emozioni. Ecco la formula tra didattica e comunicazione alla base di Hyper Museum Project, il museo virtuale dai contenuti “partecipati” e che permette visite tramite connessione internet, pensato un paio di anni fa e proposto alla Gam di Torino.”

Durante l’edizione 2012 della Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea di Bologna, gli studenti sono stati invitati a visitare le collezioni, a scegliere un’opera tra quelle esposte e, dotati di un cellulare, ad inviare al centro di raccolta GAM gli MMS (!) con le fotografie e le motivazioni della propria scelta.

La GAM di Torino ha raccontato dal vivo l’esperienza, postando su Flickr l’album di tutte le opere, le riflessioni e le curiosità raccolte.

Nato da un’idea di Nino Migliori, pensato per riflettere sulle modalità di fruizione e sui gusti dei giovani riferiti all’arte contemporanea, Hyper Museum Project è stato sviluppato dal Dipartimento Educazione della GAM Galleria civica d’arte moderna e contemporanea di Torino e dal Dipartimento Educativo del MAMbo Museo d’arte moderna di Bologna, con la collaborazione di Contemporary Art Torino Piemonte e il supporto tecnico di Vodafone.

Emoji Bennet, la Nuova Campagna di Comunicazione per Mondojuve

Un post su YouMark

Youmark è un videoportale, un giornale online, ma anche newsletter, cultura, evento, case history, servizio, community, web 2.0, rassegna spot. Un progetto articolato, per dare parola a marketing e comunicazione, in più modi, a più livelli, in ottica multimediale.

Quello che pubblico di seguito è un estratto dal post originale apparso su Youmark nel settembre 2017. Nell’articolo si parla del visual a supporto della campagna per il nuovo supermercato Bennet inaugurato all’interno di Mondojuve Shopping Center Nichelino e realizzata da Gruppo DDB Italia.

Buona lettura 🙂 Read more…

Luci d’Artista, un Gruppo di Fotografi su Flickr

Flickr è un sito web multilingua, di proprietà del gruppo Yahoo!, che permette agli iscritti di condividere le proprie fotografie. Inizialmente nato come strumento per ospitare le immagini da pubblicare su siti terzi, ha ottenuto grande successo grazie al fenomeno dei blog. In seguito si è evoluto, diventando esso stesso una comunità virtuale attraverso gruppi tematici e forum.

Luci d’Artista Torino

Tempo fa segnalavo questo gruppo dedicato alle celebri luci che ogni Natale illuminano vie, piazze, corsi e portici di Torino – creato nel 2009 da Fr@nce-scaαlєѕѕαи∂яα. Oggi i membri sono 218 e gli scatti più di 1.000. Che cosa ne pensate? Read more…

Social Art, Lara Zankoul


Un post su Exibart.com

Exibart è il marchio storico dell’arte contemporanea. Indispensabile per essere sempre informati.

Exibart.onpaper, nato nel 2002, è l’unica rivista d’arte che riesce a farsi leggere da un pubblico che non comprenda solo la strettissima cerchia di addetti ai lavori. Un freepress che influenza, sposta opinioni, stimola la partecipazione culturale. L’unica rivista d’arte concepita come un prodotto fresco, vivace, leggibile, autorevole ma non paludato e noioso. Un prodotto autenticamente giornalistico.

Quello che pubblico di seguito è un estratto dal post originale di Chiara Gallo apparso su Exibart nell’ottobre 2016. Nell’articolo si parla dell’artista interdisciplinare Lara Zankoul, all’interno di una rubrica dedicata a quegli artisti che si affermano grazie alla rete e ai social media.

Buona lettura 🙂 Read more…

Amiat e Città di Torino, la Nuova Campagna di Comunicazione #torinosidifferenzia

Apri gli Occhi! Torino si Differenzia

E’ stata lanciata lo scorso settembre la nuova campagna di Amiat e Città di Torino finalizzata al miglioramento in termini qualitativi e quantitativi della raccolta differenziata dei rifiuti urbani, attraverso numerosi e diversificati veicoli di comunicazione, sia tradizionali che digitali.

Con lo slogan “Apri gli occhi! #torinosidifferenzia”, attraverso un linguaggio diretto ed immagini volutamente esplicative e curiose, si intende richiamare l’attenzione del pubblico sull’importanza di una corretta raccolta differenziata. Voi lettori di Torino l’avete notata? Read more…