Fiabe d’autore. Guido Gozzano e la Fiaba Poetica del Primo Novecento

In mostra al MUSLI di Torino fino al 30 giugno 2017

Due esposizioni parallele, un itinerario tra letteratura e arte, tra presente e passato. L’obiettivo della Fondazione Tancredi di Barolo è quella di offrire al pubblico un confronto tra le interpretazioni di ieri e quelle di oggi e di valorizzare la qualità e la creatività del lavoro di illustratori professionisti.

Nell’ambito della manifestazione “L’immagine di me voglio che sia .. Guido Gozzano cent’anni dopo” promossa dal Centro Studi Gozzano Pavese per il centenario della morte di Guido Gozzano, poeta italiano scomparso nel 1916, la Fondazione Tancredi di Barolo presenta la mostra Fiabe d’autore. Gozzano e la fiaba poetica del primo Novecento”.

Questa esposizione offre al pubblico l’occasione di approfondire la produzione di fiabe scritte da Guido Gozzano, poeta italiano scomparso nel 1916, attraverso una selezione di preziose edizioni e tavole originali che mettono in relazione l’opera del poeta destinata all’infanzia con la produzione di altri scrittori e illustratori del primo Novecento. Al percorso bibliografico si affianca la mostra “Fiabe d’autore”, dedicata a opere originali ispirate alle fiabe del poeta e realizzate per l’occasione da artisti che operano nel campo dell’editoria per l’infanzia contemporanea.

Gozzano e la fiaba poetica del primo Novecento

La rassegna ha come punto di partenza le prime edizioni delle fiabe di Gozzano: “I tre talismani”, pubblicata nel 1914 dalla casa editrice La Scolastica di Arnoldo Mondadori con le illustrazioni di Antonio Rubino, e “La principessa si sposa”, edita postuma (1917) da Treves con le illustrazioni di Golia.

Di questi due preziosi volumi è ricostruita la storia editoriale e la loro collocazione nel più ampio contesto delle fiabe d’autore prodotte in quegli anni. Delle dodici fiabe di Gozzano sono esposti anche tutti i pre-originali, usciti sul “Corriere dei Piccoli” tra il 1908 e il 1912, illustrati dai migliori artisti dell’epoca, nonché una selezione dei racconti fiabeschi che il poeta scrisse per la rivista “Adolescenza”, non editi in volume.

Una sezione specifica è dedicata a presentare con criteri analoghi le fiabe di Amalia Guglielminetti, scrittrice e poetessa italiana, attraverso edizioni rare e disegni originali. Nella sala didattica del Museo è ricostruita la vicenda scolastica di Gozzano che frequentò la scuola elementare Moncenisio di Torino, corrispondente alla mitica “Sezione Baretti” evocata da De Amicis in Cuore.

Completano l’allestimento alcune postazioni multimediali che consentono di “sfogliare” e ascoltare alcune delle fiabe più belle e navigare attraverso il patrimonio iconografico delle edizioni esposte in mostra: un ulteriore stimolo per rendere vivi e attuali i materiali storici e offrire ai visitatori la possibilità di rielaborare in modo interattivo i temi emersi durante la visita.

Fiabe d’Autore. 16 illustratori contemporanei per il centenario di Guido Gozzano

Sono esposte al MUSLI – Museo della Scuola e del Libro per l’infanzia le opere originali di Roberta Angaramo, Irene Bedino, Lorena Canottiere, Marco Cazzato, Francesca Chessa, Laura Crema, Anna Curti, Silvia Forzani, Cinzia Ghigliano, Marco Paschetta, Gabriella Piccatto, Ilaria Pigaglio, Petra Probst, Elisa Talentino, Susanna Teodoro e Stefania Vincenzi.

In occasione del centenario dalla morte del poeta, i sedici artisti hanno realizzato un’illustrazione ispirata a una delle fiabe di Gozzano contenute nelle raccolte “I tre talismani” e “La principessa si sposa”. Tale rassegna di illustrazioni contemporanee mira a fornire una reinterpretazione in chiave moderna dei testi fiabeschi del poeta e a creare un prezioso dialogo tra arte di ieri e arte di oggi.

Per il grande pubblico è l’occasione di avvicinarsi all’illustrazione per bambini e ragazzi, senza tralasciarne la dimensione storica rappresentata dalla mostra bibliografica e dal percorso permanente del Museo della Scuola e del Libro per l’infanzia.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *