Lavorare in un Museo Italiano – Amministrazione, Finanze, Gestione delle Risorse Umane e delle Relazioni Pubbliche | Seconda parte

Continua con questo post l’approfondimento su alcuni aspetti relativi alla Carta nazionale delle professioni museali e il racconto della mia personale esperienza in museo: leggi qui la prima parte dell’articolo.

Dopo il Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea ho deviato un po’ dalla strada principale lavorando piuttosto per i musei piemontesi, occupandomi dell’attività di segreteria, di quella amministrativa e di quella finanziaria di supporto ad altri professionisti museali, in particolare nelle attività per lo sviluppo: fund raising, promozione e marketing.

Nel 2013 questioni riorganizzative legate al pensionamento del dirigente responsabile del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino mi hanno permesso di entrare in contatto con lo staff museale interno; l’attività ordinaria della Direzione Regionale Cultura, Turismo e Sport per cui lavoro era in quel momento piuttosto fiacca. Avevo già approfondito gli studi su marketing culturale e social media marketing per la cultura, ma cercavo l’opportunità di mettere in pratica le nuove conoscenze acquisite applicandole a un caso concreto.

Così mi sono candidata per rilanciare i social network del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, congelati dalla fine del contratto di una collaboratrice a progetto. Varcare l’ingresso del museo ogni mattina è diventato il carburante delle mie giornate. Il lavoro da fare per promuoverlo è tantissimo e davvero molto interessante, sia dal punto di vista museologico che comunicativo.

La collaborazione in sede è purtroppo durata soltanto un paio di mesi, a causa dell’incidente che l’ha resa temporaneamente inagibile. Mi sono quindi spostata nell’ufficio stampa e relazioni pubbliche per sostenere e promuovere attraverso il sito web tutti gli eventi, la mostre e i laboratori fuori dal museo.

Amministrazione, finanze, gestione delle risorse umane e delle relazioni pubbliche

Stando alla Carta nazionale delle professioni museali oggi lavoro nella macroarea Amministrazione, finanze, gestione delle risorse umane e delle relazioni pubbliche che comprende:

Il responsabile amministrativo e finanziario

Il responsabile amministrativo e finanziario gestisce amministrativamente il museo, le risorse finanziarie e umane, le procedure legali e del funzionamento ordinario. Questo professionista garantisce il controllo di gestione in ambito amministrativo e finanziario del museo, nonché della gestione del personale.

Il responsabile della segreteria

Il responsabile della segreteria cura l’attività del direttore e dei responsabili da esso individuati, garantendo un supporto all’attività direzionale, un adeguato coordinamento delle attività degli uffici e una efficace comunicazione interna.

Il responsabile dell’ufficio stampa e delle relazioni pubbliche

Il responsabile dell’ufficio stampa e delle relazioni pubbliche garantisce la corretta e adeguata diffusione della mission, del patrimonio e delle attività del museo tramite opportune modalità di comunicazione e appositi materiali informativi.

Il responsabile per lo sviluppo: fundraising, promozione e marketing

Il responsabile per lo sviluppo gestisce, con diretto riferimento del direttore, le attività di marketing, promozione e fundraising del museo, le strategie di sviluppo dei sistemi di finanziamento in rapporto con le strutture produttive del territorio, nonché lo sviluppo e la promozione del volontariato.

Il responsabile del sito web

Il responsabile del sito web progetta e gestisce il portale del museo e ne garantisce l’aggiornamento, mantenendo i rapporti con i fornitori dei servizi web.

Ora, le mie grandi passioni sono sempre state l’arte e le scienze naturali: attraverso i musei ho potuto approfondire in modo del tutto inatteso moltissimi aspetti dell’una e dell’altro ambito. Tu vorresti fare lo stesso? Oppure hai avuto diverse opportunità, fatto scelte diverse?

I professionisti dei musei e il volontariato

Solo la presenza di professionisti qualificati − e responsabili della gestione continuativa del museo − permette la piena valorizzazione del contributo dei volontari. Il museo funziona bene se si avvale di queste due diverse colonne portanti, senza confusioni o sovrapposizioni di ruolo. Affinché il ruolo dei volontari sia più efficace, è opportuno che essi si organizzino in associazioni e siano utilizzati nei musei in base alle specifiche professionalità e competenze, attraverso incarichi e/o atti convenzionali che specifichino le loro funzioni e responsabilità. Anche per il personale volontario devono essere sviluppate iniziative di formazione e aggiornamento mirate e puntuali.

Carta nazionale delle professioni museali, Introduzione di Alberto Garlandini

Immagine: www.mrsntorino.it

Tag:,

2 Replies to Lavorare in un Museo Italiano – Amministrazione, Finanze, Gestione delle Risorse Umane e delle Relazioni Pubbliche | Seconda parte

  1. arte contemporanea ha detto:

    Condividerò il post con i miei follwers di twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *