Social Art, Lara Zankoul


Un post su Exibart.com

Exibart è il marchio storico dell’arte contemporanea. Indispensabile per essere sempre informati.

Exibart.onpaper, nato nel 2002, è l’unica rivista d’arte che riesce a farsi leggere da un pubblico che non comprenda solo la strettissima cerchia di addetti ai lavori. Un freepress che influenza, sposta opinioni, stimola la partecipazione culturale. L’unica rivista d’arte concepita come un prodotto fresco, vivace, leggibile, autorevole ma non paludato e noioso. Un prodotto autenticamente giornalistico.

Quello che pubblico di seguito è un estratto dal post originale di Chiara Gallo apparso su Exibart nell’ottobre 2016. Nell’articolo si parla dell’artista interdisciplinare Lara Zankoul, all’interno di una rubrica dedicata a quegli artisti che si affermano grazie alla rete e ai social media.

Buona lettura 🙂

La fotografia virale di Lara Zankoul

Guardando a come si è evoluta nel tempo la fotografia da quando è nata in quanto nuova forma artistica agli albori del ‘900, viene da chiedersi fino a dove le nuove tecnologie spingeranno la sperimentazione dei fotografi di oggi e di domani. I social network sono diventati uno spazio comunicativo importante, specie per quanto riguarda proprio la fotografia.

Le opere di Lara Zankoul – oggi 820.635 like su Facebook, 36.700 follower su Instagram, 2.935 su Twitter e 2.700 su Flickr – sono un esempio di come questi nuovi media possano davvero fare la differenza per un successo internazionale.

Nel giro di poco tempo alcuni lavori, come quelli della serie The Unseen, sono diventati un fenomeno virale in rete. Gli scatti in questione, rappresentazione di soggetti che incontrano ambientazioni surreali e nascoste, sono un tentativo dell’artista di scoprire i veli che celano ogni spirito umano (…)

Alla domanda di Chiara Gallo se la rete abbia contribuito a creare un canale di diffusione per le sue opere, Lara ha risposto “Assolutamente. Credo che specialmente i social media giochino un ruolo importantissimo per ogni artista, offrendo una vetrina internazionale per il proprio lavoro. Nell’epoca in cui internet permette alle persone di restare in contatto e apre le porte a nuove opportunità (…) Alcuni dei miei lavori contengono immagini con tematiche diffuse e globalmente note, perciò in poco tempo sono state veicolate su tutta la rete (…)”

La fotografia virale di Lara Zankoul
Il post completo è disponibile online su Exibart.com

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *