L’universo Romantico e Colorato di Sarah Kay

Sarah Kay è lo pseudonimo (nonché il marchio n.d.r.) creato negli anni ‘70 da Vivien Kubos, illustratrice e autrice di libri per bambini australiana, che ancora oggi si esprime attraverso la pittura nel quartiere di Greenwich, affacciato sul porto di Sydney.

L’immaginario di Sarah Kay si basa su una serie di personaggi emblematici immersi in un universo romantico e colorato che ruota attorno a valori di amicizia, amore e fratellanza.

Da sempre appassionata di disegno, Vivienne Kubos frequenta l’Accademia di Belle Arti nella più antica università del Nuovo Galles del Sud, in Australia.

Intorno ai vent’anni viene contattata da un’agenzia pubblicitaria, per la quale lavora come designer e illustratrice freelance. Poi, dopo il matrimonio e la nascita dei figli, inizia a creare disegni per bambini ambientati nella fattoria dei propri nonni: nasce così il mondo il Sarah Kay.

Proposta ad uno dei più importanti editori di biglietti di auguri in Australia, Sarah Kay è un successo immediato. Il suo stile particolare apre le porte del mercato europeo, dove trionfa fin dal 1980.

Le illustrazioni di questa artista rappresentano un mondo armonioso fatto di bambini con volti angelici, piccoli animali e piante fiorite. I guardaroba dei personaggi femminili sono molto bucolici: abiti con ruches, cappelli di paglia e stoffa, bambole di pezza.

Le figure di Sarah Kay sono state riprodotte su diversi media: carta da regalo, poster, calendari, carte da gioco, adesivi, puzzle, oggetti per la casa, biancheria, T-shirt, porcellane, per non parlare delle bambole ispirate ai disegni, realizzate con materiali diversi.

I nomi dei font utilizzati da Sarah Kay sono «girls are weird» et le «little days». L’agenzia francese Paris Arabesque gestisce attualmente i diritti derivanti dalla proprietà del marchio. Oggi Sarah Kay ha anche un fan club, un sito web ufficiale e un account sui principali social: Facebook, Twitter e Pinterest.

Tag:

Trackbacks for this post

  1. I 10 Post Più Letti del Blog | Dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *