Che Cos’è un Museo?

Il termine museo deriva dal greco antico mouseion, luogo sacro alle Muse, figlie di Zeus e protettrici delle arti e delle scienze. Il museo è una raccolta pubblica o privata, di oggetti relativi ad uno o più settori della cultura, della scienza e della tecnica. Continua a leggere

Alberi Monumentali In Piemonte

Il tema degli alberi monumentali è particolarmente affascinante, di preciso rilievo per la storia del nostro territorio e del paesaggio che lo definisce.
Estr. Alberi Monumentali, Collezione Regione Piemonte

La Regione, che per dovere costituzionale è impegnata nella tutela e salvaguardia del paesaggio, ha evidenziato il valore degli alberi richiamando l’attenzione di Enti e collettività con l’attuazione della legge regionale n. 50 del 3 aprile 1995.

Quando un albero si può dire monumentale?

Secondo la Legge per la tutela e la valorizzazione degli alberi di alto pregio naturalistico e storico sono monumentali:

  1. Alberi che per età o dimensioni possono essere considerati come rari esempi di maestosità o longevità
  2. Alberi che hanno un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico o culturale
  3. Alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico-culturale, ivi comprese quelle inserite nei centri urbani

Singoli cittadini, Organi e Enti pubblici o Associazioni sono invitati a segnalare l’esistenza di esemplari che potrebbero essere definiti monumentali.

Il calendario 2010 realizzato dalla Regione Piemonte era dedicato a 14 esemplari presenti sul territorio:

l’introduzione mostrava le SEQUOIE del Parco della Burcina a Pollone (BI), tra le più grandi d’Italia con una circonferenza di 6m e un’altezza di 46m, e le SEQUOIE giganti di Roccavione (CN), alte 40m e con una circonferenza di 13.30m.

Il retro presentava una cartina riepilogativa e le miniature dei singoli soggetti:

il TIGLIO a grandi foglie di Macugnaga (VB) vecchio di quasi 500 anni (gennaio);

il PINO STROBO di Chiusa Pesio (CN) che raggiunge i 45m di altezza, ha un’età di 350 anni (febbraio);

il PLATANO di Alessandria (AL), detto di Napoleone, è ampio oltre 30m (marzo), invece quello in frazione Ova di Tortona (AL) con i suoi 35m è uno dei più alti d’Italia (aprile);

la ZELCOVA di Racconigi (CN) è la più alta del Piemonte con 35m di altezza e 200 anni di età (maggio);

i LIQUIDAMBAR di Vercelli (VC) raggiungono rispettivamente i 20m e i 28m di altezza (giugno);

la FARNIA del Castello di San Salvà a Santena (TO) è un esemplare di 28m di altezza, 6.30m di circonferenza e 250 anni di età (luglio);

il CEDRO dell’Himalaya di Stresa (VB) sfiora i 40m di altezza e i 7.30m di circonferenza (agosto); il CEDRO dell’Atlante di Montalenghe (TO) è alto 36m, ha una circonferenza di 13m e un’età di olte 300 anni (dicembre);

l’OLMO di Bergemolo a Demonte (CN) è prossimo ai 400 anni e ai 35m di altezza (settembre);

l’IPPOCASTANO di Dogliani (CN) è un esemplare di notevole bellezza, alto 26m (ottobre);

il GINKGO BILOBA di Casalbeltrame (NO) arriva a toccare i 25m di altezza (novembre).

Approfondimenti

Alberi Monumentali galleria di immagini su Flickr

Alberi Monumentali pubblicazione in pdf

Elenco di tutti gli esemplari censiti in Piemonte

Standard Di Qualità Nei Musei Piemontesi

Accreditamento, gruppi tematici e attività sperimentali

Il 2010 è stato un anno di grande lavoro per gli Standard museali: per restituire i risultati e anticipare le novità in arrivo dal 2011, torna puntuale a inizio dicembre la conferenza sugli Standard promossa dalla Regione Piemonte e organizzata in collaborazione con Fondazione Fitzcarraldo.

Standard di qualità nei musei piemontesi: accreditamento, gruppi tematici e attività sperimentali
I contenuti completi sono disponibili online sul sito del Centro Risorse Beni Culturali