Fare Cultura in Rete: il Caso di Storie dell’Arte

Dopo la riforma Gelmini, la storia dell’arte non si insegna più in tutte le scuole, ma riscuote sempre più interesse in rete, dove negli ultimi anni sono nati molti siti che parlano di arte in modo competente, intercettando un interesse forte da parte anche dei giovani.

Uno degli esempi migliori è Storie dell’arte. Simona Maggiorelli di Left ha chiesto al critico e storico dell’arte Sergio Momesso, che ne è il fondatore, di raccontare come è nata questa bella avventura.

Fare cultura in rete: il caso di Storie dell’arte
I contenuti completi sono disponibili online sul sito di Left

Storie dell’arte

Un blog di storici dell’arte

Sono studiosi di storia dell’arte, specializzati nel settore moderno e italiano. Avevano bisogno di uno strumento di comunicazione più semplice, immediato e flessibile di una rivista online.

Sentono infatti molto forte l’urgenza di conciliare studio e comunicazione, potenzialità degli strumenti digitali per la ricerca, le cosiddette digital humanities, ed essere presenti in rete con il loro punto di vista e la loro formazione. Un’esigenza ancora più evidente da quando si discute, specie nel mondo anglosassone, di nuove prospettive della divulgazione storico-artistica tra internet ed editoria digitale.

Così, senza pensarci due volte, hanno scelto di aprire questo spazio e di chiamarlo “storie dell’arte”. Un nome facile, disponibile, che soprattutto richiama uno smilzo e sobrio libretto, pieno di ‘cose’ utili, di uno dei loro più amati maestri.

Un nome al plurale, come i punti di vista necessari a ricostruire, giorno dopo giorno, la storia dell’arte, quella che libera la testa .. Il plurale è anche un auspicio sincero perché giungano i contributi di altri storici dell’arte che, come loro, sentano che questo strumento può essere un punto di partenza per condividere e sviluppare in modo nuovo le proprie ricerche.

storiedellarte ® è un marchio registrato prodotto da Edizioni Prioritarie. La Redazione è composta da Marialucia Menegatti e Sergio Momesso, mentre la Newsletter è curata da Claudia Caramanna.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *