Gustav Klimt, Storia di un Artista

Gustav Klimt (Vienna, 14 luglio 1862 – Neubau, 6 febbraio 1918) è stato un pittore austriaco, uno dei più significativi artisti della Secessione Viennese.

Nacque a Baumgarten, quartiere di Vienna, secondo di sette fratelli. Il padre Ernst Klimt, nativo della Boemia, era un orafo; la madre, Anna Finster, era una donna colta e versata nella musica lirica.

I disegni e i dipinti di Gustav Klimt, raffinati, allusivi, sensuali, ricchi di riferimenti colti, sono opere densamente evocative, che racchiudono e trasmettono l’atmosfera della Vienna della “Belle Epoque”, la Vienna di Freud, Gustav Mahler e Schönberg.

Un’eco suggestiva e indimenticabile che rimane impressa al cospetto di un solo frammento dell’opera di questo artista sublime.
Biografia – L’arte della secessione

Gustav Klimt frequentò per otto anni la scuola primaria nel settimo distretto comunale di Vienna. Successivamente, nel 1876, malgrado le pressanti ristrettezze economiche della famiglia, il quattordicenne Gustav venne ammesso a frequentare la Scuola d’arte e mestieri d’Austria (Kunstgewerbeschule). Studiò arte applicata fino al 1883, cominciando a informare personali orientamenti di gusto e imparando a padroneggiare diverse tecniche artistiche tradizionali, dal mosaico alla ceramica, nel rispetto dei canoni accademici e della storia dell’arte del passato. Fondamentale fu l’influenza esercitata da Ferdinand Laufberger e Hans Makart, sui quali condusse i primi studi.

Tra le committenze pubbliche più note ricordiamo:

  • la decorazione del cortile del Kunsthistorisches Museum;
  • le quattro allegorie del Palazzo Sturany a Vienna e il soffitto della Kurhaus di Karlsbad;
  • la decorazione del Burgtheater;
  • la decorazione del soffitto dell’aula magna dell’università di Vienna;
  • il Fregio di Beethoven, concepito per la quattordicesima mostra secessionista viennese, allestita dall’aprile al giugno 1902 nei locali del Palazzo della Secessione;
  • il progetto decorativo di palazzo Stoclet.

Oltre a quelle ufficiali, Gustav accettò anche numerose committenze private per ritratti, paesaggi e opere decorative. A questo proposito il sito web del Klimt Museum di Vienna è ricco di immagini e informazioni su tutta la sua produzione artistica.

Nel 1897 fondò, insieme ad altri diciannove artisti, la Wiener Sezession (Secessione Viennese), attuando anche il progetto di un periodico-manifesto del gruppo, Ver Sacrum (Primavera sacra), del quale verranno pubblicati 96 numeri, fino al 1903.

L’attività di Gustav Klimt si interruppe l’11 gennaio 1918 quando, di ritorno da un viaggio in Romania, fu colto da un colpo apoplettico che lo condusse alla morte il 6 febbraio dello stesso anno.

Gustav Klimt, oggi e sul web

Gustav Klimt, la mia bacheca su Pinterest

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *