Intervista a Vitalba Morelli: Storia dell’Arte, Blogging e Social Media Marketing

Io e Vitalba Morelli ci siamo incontrate su Facebook durante il #MuseumSelfieDay – progetto di Twitter volto ad aumentare la consapevolezza del pubblico verso le grandi collezioni ospitate nei musei di tutto il mondo. Così ho scoperto il suo fantastico blog e le ho sottoposto alcune domande, sotto forma di intervista. Vitalba è Puglia Ambassador delle Invasioni Digitali e da pochi mesi membro del Team di TuoMuseo, una nascente realtà che sta sviluppando una piattaforma digitale, gratuita, ludica e partecipativa dove la domanda e l’offerta culturale si incontrano e insieme diventano protagonisti e co-creatori di Bellezza. Buona lettura!

1. La tua social web-art routine mattiniera inizia da …

La mia social web-art routine inizia con un buon caffè, un po’ di musica e poi mi immergo tra le innumerevoli notifiche di skype, social network e mail! Cerco di dividere il tempo che dedico al lavoro sostanzialmente in 3 parti: alla cura dei miei clienti per i quali effettuo consulenze di Social Media Marketing, alla gestione dei miei account social e del blog stesso. Mentre il tempo restante lo sfrutto per la mia continua formazione sia nel campo dell’arte che del Marketing, visto che oggi giorno il vero vantaggio competitivo penso sia proprio la continua crescita professionale.

2. Consiglia i blog e le community social che nessuno dovrebbe perdersi

Seguo da diversi anni con grande interesse il blog di Riccardo Scandellari per ciò che riguarda il marketing e la comunicazione online. Lo considero un opinion leader del settore ed un uomo di grande umiltà da cui ho tanto da imparare. Non mi faccio mai mancare i post di @MarDixon, una consulente museale che ha creato tantissimi progetti internazionali dedicati al mondo dell’arte e dei musei con un’impronta sempre Digital e Tech. L’ultimo che porta la sua firma è il progetto della prossima #museumweek che si svolgerà su twitter dal 23 al 29 Marzo.

Come community sono affezionatissima alle #socialgnock – dal tacco all’infradito senza photoshop – una piazza digitale dove sembra incontrarsi tra amiche che per lavoro o divertimento vivono quotidianamente la folle vita dei social network. Ovviamente immancabile la mia presenza anche nella community di #svegliamuseo che seguo sin dagli inizi, la considero una fonte preziosa di formazione e condivisione per tutto ciò che riguarda il mondo museale.

3. Ricordi il tuo post che ha generato più reazioni?

Quello che ha avuto più attenzione, che onestamente non mi aspettavo a questo livello, è stato il post dedicato al #MuseumSelfieDay, che ha avuto ben 1.200 like, 130 tweet e 27 condivisioni G+ e diversi commenti in meno di 48 ore.

Sono stata davvero contenta del risultato ottenuto perchè con questo post, visto anche l’argomento più easy, sono riuscita a portare il mondo della Cultura fuori dalla solita nicchia di esperti. Insomma, piccole soddisfazioni da storica dell’arte che vorrebbe portare l’arte a portata di tutti.

4. Il peggiore evento che ti è mai capitato di gestire sul tuo blog o account social

Mi è capitato di condividere sui miei canali social articoli di testate autorevoli che successivamente ho scoperto non veritieri. Ci sono rimasta molto male perchè l’unica regola che mi sono sempre data è stata quella di dare informazioni vere e di qualità. Ormai esistono centinaia di account, penso che ciò che faccia la differenza sia solo la qualità di ciò che si condivide.

5. La posizione geografica incide sul modo di usare i social e sulle relazioni tra utenti?

Penso che il discriminante sia lo sviluppo tecnologico di un Paese e il livello di educazione digitale a cui è giunto. Per il resto “tutto il mondo è paese”, ogni  essere umano, come diceva sin dall’antichità Aristotele è “un animale sociale” che indipendentemente dalla nazione in cui nasce o vive, è portato alla condivisione.

6. Un evento italiano legato ai nuovi media che nessuno dovrebbe perdersi

Un evento di portata mondiale, che si svolge anche in Italia a cui non si dovrebbe certo mancare è sicuramente la Social Media Week. Si è conclusa da poco a Milano l’edizione 2015 ricca di eventi dedicati al web, alla tecnologia, all’innovazione e ai social media, fruibile anche in streaming. Per quel che riguarda il mondo dell’arte ho seguito il panel dedicato al rapporto ambienti digitali e cultura, dove hanno parlato BAM! Strategie Culturali, Fondazione Cariplo e Meet the Media Guru.

7. Promozione social gratuita o a pagamento?

Non sono contraria alla promozione a pagamento. Le realtà aziendali hanno tempi e modalità che spesso necessitano di sponsorizzate per intercettare i potenziali clienti. Il problema non penso siano mai le sponsorizzate, ma la qualità del prodotto che si vuole veicolare. Un buon prodotto merita di essere pubblicizzato per il bene dell’azienda e del consumatore.


Vitalba Morelli è storica dell’arte, blogger per socialwebart.it e consulente di social media marketing. E’ Puglia Ambassador per Invasioni Digitali e membro del Team di TuoMuseo. Seguila su Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *