Le sette Muse della Comunicazione

Dee greche della letteratura, della poesia, della musica e della danza; in seguito anche dell’astronomia, della filosofia, e di tutte le occupazioni intellettuali.

Negli ultimi post ho fatto largo uso di citazioni e contenuti della cosiddetta decima musa dell’arte: il cinema. Questa affermazione presuppone innanzitutto che debbano esistere altre nove muse. E poi che essendo la musa una dea dell’arte, anche il cinema sia arte.

Le Muse naturalmente sono per i greci le figlie di Zeus e Mnemosýne, la Memoria, ma è Apollo la loro guida, Mousegétes.

Per rispolverare la mitologia greca mi sono affidata a Wikipedia, domandandomi quale fosse esattamente il concetto ellenico di arte per non comprendere la pittura e la scultura, relegate ad una semplice forma di artigianato. Ma ci torneremo.

Mi sono poi permessa di divagare un po’, immaginando come i diversi elementi del modello formale della comunicazione possano diventare un moderno monte Elicona 😀

Le Muse della comunicazione

Sono le dee occidentali dedite a tutti gli elementi dell’atto comunicativo. Secondo il modello formale della comunicazione i loro nomi sono quelli riportati di seguito:

  1. Emittente è la musa di chi che avvia la comunicazione, la fonte del messaggio.
  2. Ricevente è la musa di chi accoglie il messaggio formulato dall’emittente, lo decodifica, lo interpreta e lo comprende
  3. Codice è la musa delle parole parlate e scritte, delle immagini, dei toni, dei segni e delle regole per combinarli per formare i messaggi.
  4. Canale è la musa di ciò che propaga fisicamente il codice del messaggio: la scrittura, le onde sonore o elettromagnetiche, i bit elettronici.
  5. Contesto è la musa della situazione complessiva nella quale si verifica l’atto comunicativo.
  6. Referente è la musa dell’oggetto della comunicazione, elemento del mondo reale o concetto, a cui si riferisce il messaggio.
  7. Messaggio è la musa di ciò che si comunica e del modo in cui lo si fa, dell’oggetto comunicativo che viene scambiato tra emittente e destinatario.

La comunicazione visiva

Conclusa questa introduzione scherzosa al modello della comunicazione di massa approfondiremo con i prossimi post l’applicazione pratica dei singoli elementi e delle diverse fasi, con particolare attenzione a quelli della comunicazione visiva.

Per comunicazione visiva si intende la trasmissione di un messaggio tramite un’immagine che rappresenta in maniera metaforica la realtà.
La comunicazione per immagini permette di raggiungere il massimo effetto comunicativo nel più breve tempo possibile, grazie al suo forte potere di richiamo, alla sua immediata comprensibilità e alla facilità di memorizzazione.
Può avvenire attraverso diversi strumenti quali la grafica, la pittura, la scrittura e i video.
it.wikipedia.org

Risorse utili

Teoria della comunicazione
Teoria della comunicazione di Pier Cesare Rivoltella

Immagine: Portrais in the Characters of the Nine Muses in the Temple of Apollo by Richard Samuel

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *