Ecco Cosa Penso della Presunta Invidia di Mottura nei Confronti di Lichtenstein

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ho visitato Opera Prima lo scorso autunno alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino e amo la Pop Art, ma non mi definirei certo un’esperta di Roy Lichtenstein.

Ammetto anche di non essermi documentata a fondo prima di visitare la mostra, quindi mi sfuggiva completamente il senso che ho poi colto in sala. Tanto spazio ai bozzetti e poco alle opere definitive: questa chiave di lettura mi ha fatta riflettere.

In un momento storico come il nostro, in cui tutto è riproducibile un numero infinito di volte attraverso diversi dispositivi, le matite hanno un valore diverso.

Opera Prima, Eventi

Apprezzo molto le attività con cui la GAM ha scelto di accompagnare la mostra, da Fumetti ad Arte all’ultimo Pop Art Speed Date, di cui riporto un estratto relativo all’appuntamento del prossimo giovedì:

Deconstructing Lichtenstein: il fumetto è una cosa seria!
a cura di Paolo Mottura, fumettista

Roy Lichtenstein non ha molti appassionati nel mondo del fumetto.

Circa 14 anni fa nasce a New York il movimento Deconstructing Lichtenstein e il suo fondatore, David Barsalou, ha lavorato per 32 anni rintracciando le vignette che hanno dato origine ad alcune delle celebri opere di Lichtenstein.

Perché l’artista Pop ha deciso di occuparsi di fumetto in quel particolare contesto artistico newyorkese, portando generi di consumo di massa all’interno dei musei?

Il diritto d’autore è valido per tutti?

In questo incontro il punto di vista di un fumettista, che cercherà di “smontare”  forse anche con un po’ di invidia  l’opera di un artista riconosciuto a livello planetario. Ci riuscirà?

Quando ho ricevuto questo invito sono rimasta piuttosto infastidita dal commento di chiusura, riferito scherzosamente all’invidia che Paolo Mottura, fumettista per Disney Italia e Sergio Bonelli Editore, potrebbe provare nei confronti di un artista riconosciuto dagli storici dell’arte a livello planetario.

Immagino che una galleria d’arte debba sostenere il proprio investimento, ma Paolo sembra tutto fuorché un invidioso: curriculum a parte è evidente sfogliando i suoi lavori che si tratta di un grandissimo fumettista, ottimo illustratore e artista.

La questione del diritto d’autore sollevato dal movimento Deconstructing Lichtenstein è assolutamente pertinente. E non ultima, l’idea di riservare il titolo di artista solo a chi si occupa di cultura alta è decisamente da superare.

Ora, la tentazione di partecipare all’art speed date del 15 gennaio è davvero molto forte. Evidentemente il fumetto è una cosa seria anche per me. E tu, che cosa ne pensi?

Immagini: GAM Torino – Paolo Mottura

4 commenti
  1. Paolo Mottura
    Paolo Mottura dice:

    Ciao Enrica, in effetti il titolo voleva essere scherzoso e forse è risultato un po’ maldestro. Lungi da me l’idea di essere invidioso di Lichtenstein, il mio intervento si limiterà piuttosto a descrivere alcuni eventi realmente accaduti e a commentare a modo mio una delle opere esposte. Sarò contento di conoscerti se deciderai di partecipare all’Art Speed giovedì prossimo. Paolo

    Rispondi
    • Enrica Ferrero
      Enrica Ferrero dice:

      Grazie per aver risposto Paolo! Grazie anche a Stefano Grasso di Albissola Comics che gestisce la tua Pagina Fan su Facebook 😀 A questo punto, come suggerito dagli amici di GAM, non ho scuse e farò il possibile per partecipare. A presto!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *